Milano in vetta

In montagna con BookCity

L’editoria di montagna è ormai uscita dai propri confini. Non parla solo agli appassionati delle terre alte e di imprese ai limiti del possibile. Oggi, sempre più, si rivolge a chi cerca un reale contatto con gli ambienti naturali e, con la nuova sensibilità che l’attenzione alla natura trasmette, con le componenti del proprio io ancora da “esplorare”.

 

Per vecchi e nuovi lettori, l’editoria di montagna trova a Milano un terreno particolarmente fertile. E trova nel Club Alpino Italiano un riferimento quasi obbligato. Le Sezioni del CAI, in quanto punto di contatto tra l’associazione e la cittadinanza, svolgono a questo proposito una fondamentale opera di divulgazione.

 

La cultura della montagna trova in BookCity (la maggiore manifestazione milanese dedicata ai libri) un momento di grande rilievo anche grazie all’attività della Sezione CAI SEM, che nella sua nuova sede di piazza Coriolano 2, propone novità editoriali di grande interesse e attualità.

Per l’edizione 2019 di BookCity vi sono previste, nell’arco di tre giornate, ben dieci presentazioni. Dal 15 al 17 novembre i pomeriggi e le serate, sempre a ingresso libero e gratuito, proporranno un’ampia varietà di tematiche.

 

Venerdì 15 Alessandra Panvini Rosati ci porterà coi suoi racconti nel rapporto tra la natura selvaggia e l’essenza dell’animo umano. A seguire Alessandra Beltrame ci ricorderà che siamo nati per camminare e che, un passo dopo l’altro, entriamo in sintonia con il mondo e col nostro cuore. Nell’appuntamento serale Paola Giacomoni racconterà quanto è cambiata l’immagine delle terre alte nei secoli, in particolare dal Rinascimento al Romanticismo.

 

Sabato 16 Fabio Copiatti, seguendo le orme del mitico Antonio Garoni, ci porterà alla scoperta della selvaggia Val Grande e delle valli ossolane. A seguire Paolo Patanè e Monica Torri presenteranno tante belle gite fuoriporta nei dintorni di Milano Nord. L’arte della poesia e della pittura con soggetto le montagne avranno poi uno spazio speciale nell’incontro con Maddalena Bertolini, Silvia Nava e il loro affascinante libro. La serata infine sarà dedicata al libro di Andrea Scherini e Salvatore Vitellino, ma soprattutto al loro grande amico: il cane alpinista Nepal.

 

Domenica 17 Giorgio Vacchiano ci parlerà della strenua resistenza delle foreste al cambiamento climatico, aspetto fondamentale per assicurarci un futuro. Roberto Montella ci guiderà invece in un viaggio nella splendida natura norvegese, lungo una via entrata nella storia. Infine, a conclusione delle presentazioni BookCity alla SEM, Claudio Smiraglia, a nome del Comitato Glaciologico Italiano, ci guiderà lungo gli itinerari glaciologici delle montagne italiane: un mondo che il clima e l’uomo mettono in pericolo.

 

Pubblicato il 07/11/2019


Articoli correlati

Parliamone

Monte Stella, per tutti

Monte Stella, per tutti

Elsa Stella ci rimaneva male quando sentiva i milanesi chiamare Montagnetta quel rilievo che il marito, l’architetto Piero Bottoni, le aveva dedicato chiamandolo Monte Stella.

Ma i milanesi, si sa, sono piuttosto pragmatici, realisti, e il nome di Monte non lo consideravano adatto a quei 50 risicati metri di altezza. E il poetico nome di Stella non si adattava proprio al particolare materiale da cui nasceva il rilievo: le macerie degli edifici abbattuti a Milano dai bombardamenti angloamericani durante la seconda guerra mondiale.