Milano in vetta

Vita nuova nei piccoli borghi alpini

E’ da tempo in atto un progressivo spopolamento dei piccoli borghi alpini, con invecchiamento della popolazione attiva, abbandono dei terreni coltivati e incremento delle fasce boschive, senza lo sviluppo delle filiere agrosilvopastorali. Il rischio per i borghi alpini è la progressiva riduzione dei servizi essenziali (trasporti, sanità, istruzione, servizi generali) oltre al decadimento delle costruzioni adibite ad abitazione e ad attività commerciali e produttive. Ne conseguono la perdita di rilevanza economica delle stesse aree, lo sfruttamento non controllato del territorio e un progressivo dissesto idrogeologico.

A fronte di questa situazione si sta manifestando un rinnovato interesse dei giovani verso attività, sia tradizionali che innovative, funzionali allo sviluppo ecocompatibile degli ambienti montani. Parallelamente è ipotizzabile un inserimento graduale e “accompagnato” di migranti presenti nelle grandi città, in attività lavorative corrispondenti alle loro esperienze maturate nei paesi d’origine e ugualmente funzionali alla crescita economica dei territori collinari e montani. Tutto questo sulla spinta di un nuovo e generale orientamento del grande pubblico verso nuovi stili alimentari, abitativi e di impiego del tempo libero. Orientamenti verso cui il mondo dell’economia e degli investimenti dimostra una crescente considerazione.

Questi temi sono stati affrontati il 26 marzo nel corso del convegno “In montagna vita nuova” promosso dall’Assessorato alle Politiche sociali, Salute e Diritti del Comune di Milano, che conferma il proprio interesse verso le vicine aree montane, proponendo soluzioni per il loro futuro nell’ambito del “Forum delle politiche sociali 2018”, giunto alla 7° edizione.

Obiettivo del convegno è stato fornire il quadro della situazione e, riferendosi al territorio lombardo, proporre soluzioni funzionali a una inversione di tendenza, che sappia capitalizzare sia l’interesse dei giovani verso le aree montane e l’intenzione di fare impresa in modo compatibile con un nuovo stile di vita, sia la possibilità di integrare certe tipologie di migranti nel tessuto sociale e produttivo dei borghi alpini. Il convegno ha inteso proporsi come momento di partenza di un progetto che vuole coinvolgere progressivamente i Comuni montani lombardi in innovativi modelli di sviluppo  e in una positiva alleanza tra area metropolitana e montagne, portando ad esempio le buone pratiche e le esperienze positive già maturate in altre regioni italiane.

Marzo 2018

 

 

Pubblicato il 03/07/2018


Articoli correlati

Parliamone

Natura senza frontiere

Natura senza frontiere

Se frequentare un ambiente naturale è per tutti un’esperienza vitalizzante, per le persone disabili lo è ancora di più.

E’ un mezzo di estrema efficacia per superare certe limitazioni imposte dalla condizioni psicofisiche, per conquistare autostima, per nuove relazioni di collaborazione che favoriscono l’inclusione.

Col termine, ormai acquisito, di montagnaterapia si definisce la riconosciuta utilità di varie attività in natura in termini terapeutici, di riabilitazione, di dinamiche relazionali, di capacità di gestione dei movimenti e delle emozioni.