Milano in vetta

Il Papa alpinista

Don Achille era nato a Desio, in Brianza, e per chi vive da quelle parti, l’orizzonte verso nord è chiuso dalla linea delle montagne prealpine; da sinistra i placidi rilievi sopra Como ed Erba, poi il profilo si impenna con le vette puntate delle due Grigne e con la frastagliata cresta del Resegone. Don Achille amava quella linea e gli piaceva osservarla, da qualche punto rilevato, anche quando viveva a Milano. (…)

Cento anni fa, nell’ottobre del 1913, don Achille Ratti, allora Prefetto della Biblioteca Ambrosiana e Viceprefetto della Biblioteca Apostolica Vaticana, ma già noto nel mondo alpinistico per aver compiuto alcune ascensioni memorabili, saliva la cima della Grigna Settentrionale e si tratteneva quattro giorni alla Capanna Grigna Vetta, come allora si chiamava quello che oggi è il Rifugio Brioschi. Sarebbe stata la sua ultima ascensione. La Chiesa lo chiamava a Roma, e a Roma, nove anni dopo, don Achille sarebbe diventato papa Pio XI.

 

Domenico Flavio Ronzoni

(da “Grignone: l’ultima cima del Papa alpinista” Bellavite 2013)

Articoli correlati

Parliamone

Monte Stella, per tutti

Monte Stella, per tutti

Elsa Stella ci rimaneva male quando sentiva i milanesi chiamare Montagnetta quel rilievo che il marito, l’architetto Piero Bottoni, le aveva dedicato chiamandolo Monte Stella.

Ma i milanesi, si sa, sono piuttosto pragmatici, realisti, e il nome di Monte non lo consideravano adatto a quei 50 risicati metri di altezza. E il poetico nome di Stella non si adattava proprio al particolare materiale da cui nasceva il rilievo: le macerie degli edifici abbattuti a Milano dai bombardamenti angloamericani durante la seconda guerra mondiale.