Milano in vetta

Online da Bergamo - Guida al trekking della solidarietà

2 dicembre

Online da Bergamo

Per la rassegna Tierra! Nuove Rotte per un Mondo più Umano

La guida al primo “trekking di solidarietà” nei luoghi colpiti dal terremoto tra Marche, Umbria e Abruzzo. Un percorso di 250 chilometri da percorrere a piedi da Fabriano a L’Aquila. Una guida che nasce dall’esperienza della “Lunga Marcia per L’Aquila” che ogni anno porta centinaia di camminatori da Camerino alla Piana di Castelluccio, da Norcia ad Amatrice, per conoscere luoghi bellissimi e feriti, e le storie di chi ha deciso di restare. Un itinerario per contribuire alla rinascita di una terra trasformata. E tornare cambiati. Oltre a tutte le informazioni utili per mettersi in cammino - cartine dettagliate, altimetrie, dislivelli, descrizione del percorso, possibili varianti, ospitalità e luoghi da visitare - per ogni tappa è raccolta una testimonianza inedita. Incontriamo il suo autore: Enrico Sgarella, avvocato in pensione e appassionato di ecologia, fondatore di “Movimento tellurico”, un’associazione di promozione sociale nata durante la prima “Lunga Marcia per l’Aquila”, L'evento sarà trasmesso sul Canale YouTube Tierra! Nuove Rotte.
Cos'è Tierra! Nuove Rotte per un Mondo più Umano
Torna “Tierra! Nuove rotte per un mondo più umano”, sesta edizione, con un nuovo format. La rassegna, organizzata e promossa dai Sistemi Bibliotecari di Dalmine e dell’area Nord Ovest della provincia di Bergamo, con la collaborazione per la direzione artistica di Abibook, quest’anno, infatti, si trasferisce online, per affrontare responsabilmente l’emergenza sanitaria in corso. In programma, dal 11 novembre al 4 dicembre, 18 video-incontri fruibili gratuitamente su canale youtube dedicato e sulle piattaforme social.

mercoledì 2 dicembre 2020 20:30

 

 


Articoli correlati

Parliamone

Natura senza frontiere

Natura senza frontiere

Se frequentare un ambiente naturale è per tutti un’esperienza vitalizzante, per le persone disabili lo è ancora di più.

E’ un mezzo di estrema efficacia per superare certe limitazioni imposte dalla condizioni psicofisiche, per conquistare autostima, per nuove relazioni di collaborazione che favoriscono l’inclusione.

Col termine, ormai acquisito, di montagnaterapia si definisce la riconosciuta utilità di varie attività in natura in termini terapeutici, di riabilitazione, di dinamiche relazionali, di capacità di gestione dei movimenti e delle emozioni.