Milano in vetta

Urgnano - Visita del borgo e del Castello Albani

15 gennaio

Urgnano

Visita del borgo e del Castello Albani

Vi porteremo a casa dei Visconti, ma anche del grande Bartolomeo Colleoni e dei conti Albani, per rivivere, in un bel pomeriggio, quelle affascinanti e misteriose atmosfere d'altri tempi. A tal fine abbiamo organizzato per voi un itinerario speciale, un vero e proprio viaggio nella storia dal XIV secolo fino ai nostri giorni. Inizieremo dalla visita guidata del castello dei conti Albani, "viaggeremo" ai tempi dei Visconti, quando realizzarono questa possente rocca militare per difendere il Ducato di Milano dalla vicinissima Serenissima. Incontreremo il ricchissimo Bartolomeo Colleoni, condottiero ma anche "magnate" d’altri tempi, che ricevette il maniero quando il territorio passò ai veneziani. E da ultimo, non certo per importanza, conosceremo i conti Albani, che trasformarono la fortezza in un bellissimo palazzo aristocratico, secondo la moda dell’epoca. Per comprendere questa interessante evoluzione, sarà possibile visitare gli esterni e gli interni della struttura, scoprire le decorazioni, gli arredi, i suoi giardini pensili e lasciarsi cullare da storie e leggende coinvolgenti. Successivamente, vi accompagneremo nel borgo circostante, da cui è sorta l’attuale cittadina di Urgnano, e scopriremo i luoghi popolari del passato, altrettanto importanti per la ricostruzione completa e autentica della storia del luogo. Portici antichi, contrade, chiese di un tempo, ma soprattutto ci soffermeremo sullo storico campanile cilindrico, considerato una delle sette torri campanarie più eleganti d’Italia e, con i suoi 54 m di altezza, la torre in pietra più alta del Bel Paese. Ritrovo presso la Torre nord del castello di Urgnano al parcheggio di Via Molino Vecchio, 68 a Urgnano. Prezzo: 18 euro, prenotazione: obbligatoria, email: info@villago.it


Articoli correlati

Parliamone

Monte Stella, per tutti

Monte Stella, per tutti

Elsa Stella ci rimaneva male quando sentiva i milanesi chiamare Montagnetta quel rilievo che il marito, l’architetto Piero Bottoni, le aveva dedicato chiamandolo Monte Stella.

Ma i milanesi, si sa, sono piuttosto pragmatici, realisti, e il nome di Monte non lo consideravano adatto a quei 50 risicati metri di altezza. E il poetico nome di Stella non si adattava proprio al particolare materiale da cui nasceva il rilievo: le macerie degli edifici abbattuti a Milano dai bombardamenti angloamericani durante la seconda guerra mondiale.