Milano in vetta

Ponteranica - Incontri e proiezioni per Il grande Sentiero

3 settembre

Ponteranica

Incontri e proiezioni per Il grande Sentiero

3 settembre ore 21 Bopo di via Concordia 6/A, Ponteranica In collaborazione con Comune di Ponteranica e Morla Frogs.

Alla scoperta dei cammini francescani con Angela Seracchioli. Angela si definisce una cittadina del mondo, una viaggiatrice che ha scoperto il camminare da pellegrina andando a Santiago, e che ha ideato nel 2004 un cammino sui passi di Francesco d’Assisi, di cui ha scritto la guida Di qui passò Francesco, e Con le ali ai piedi, 500 chilometri in 25 tappe, dal Lazio fino alle rocce di Monte Sant’Angelo sospese sul mare del Gargano, sulle tracce di san Francesco e dell’arcangelo Michele.

A seguire: Nomad - In cammino con Bruce Chatwin di Werner Herzog (Gran Bretagna, 2019, 85’) Sulle tracce dei pellegrinaggi che Chatwin ha compiuto alla ricerca dell'anima del mondo, attraversando continenti con l'inseparabile zaino di pelle sulle spalle: quello zaino che ora appartiene a Herzog, e che diventa il terzo protagonista del film.

A PIEDI attraverso la Greenway del Morla che parte da Valtesse (zona Campo Utili) risale il torrente fino alla località Valbona In BICI attraverso la Greenway del Morla che parte da Valtesse (zona Campo Utili) risale il torrente fino alla località Valbona

In AUTO salendo in direzione Val Brembana, segui per Ponteranica e in località Valbona troverai un comodo parcheggio

Informazioni per il pubblico, programma completo, prenotazioni on line: www.lab80.it/ilgrandesentiero

 

 


Articoli correlati

Parliamone

Natura senza frontiere

Natura senza frontiere

Se frequentare un ambiente naturale è per tutti un’esperienza vitalizzante, per le persone disabili lo è ancora di più.

E’ un mezzo di estrema efficacia per superare certe limitazioni imposte dalla condizioni psicofisiche, per conquistare autostima, per nuove relazioni di collaborazione che favoriscono l’inclusione.

Col termine, ormai acquisito, di montagnaterapia si definisce la riconosciuta utilità di varie attività in natura in termini terapeutici, di riabilitazione, di dinamiche relazionali, di capacità di gestione dei movimenti e delle emozioni.