Milano in vetta

L’isola che non c’è

La sensazione di sentirsi in un luogo “estraneo ai casi della vita” si percepisce quando un mare di nuvole isola la montagna dalla pianura. Fa da confine. Le cime diventano isole. L’escursionista, l’alpinista, diventano naufraghi volontari che vorrebbero vivere secondo i ritmi di quell’isola che li separa dal resto del mondo.

Pubblicato il 02/09/2019

Articoli correlati

Parliamone

Natura senza frontiere

Natura senza frontiere

Se frequentare un ambiente naturale è per tutti un’esperienza vitalizzante, per le persone disabili lo è ancora di più.

E’ un mezzo di estrema efficacia per superare certe limitazioni imposte dalla condizioni psicofisiche, per conquistare autostima, per nuove relazioni di collaborazione che favoriscono l’inclusione.

Col termine, ormai acquisito, di montagnaterapia si definisce la riconosciuta utilità di varie attività in natura in termini terapeutici, di riabilitazione, di dinamiche relazionali, di capacità di gestione dei movimenti e delle emozioni.