Milano in vetta

Piazza Brembana - Una terra da scoprire

22 luglio

Piazza Brembana

Una terra da scoprire

Il prof. Giacomo Calvi presenta la pubblicazione "Valle Brembana, una terra da scoprire". Questa nuova opera collettiva è stata promossa dal Centro Storico Culturale per illustrare la Valle Brembana e i suoi Comuni negli aspetti storici, artistici, culturali e ambientali. I testi generali e quelli relativi ai 37 Comuni della Valle sono stati redatti da una trentina di soci esperti di storia e cultura locale, in genere residenti nei paesi ai quali hanno dedicato il loro testo. A ogni Comune sono state riservate diverse pagine e varie fotografie. L’obiettivo è di mettere a disposizione del pubblico, e in particolare dei visitatori, uno strumento esauriente e attendibile, che favorisca la conoscenza della Valle in tutti i suoi aspetti e stimoli la visita dei luoghi descritti. A tale scopo la trattazione è volutamente veloce e sintetica: preceduti da un inquadramento generale, si sviluppano i testi dedicati ai paesi, secondo l’ordine geografico: bassa e media Valle, Val Brembilla, Val Serina, Val Taleggio, Alta Valle Brembana. Al di fuori di tale contesto sono inserite delle schede che descrivono elementi comuni all’intera Valle: la presenza del fiume Brembo, l’antica viabilità, la produzione casearia. È stato inoltre scelto di corredare i testi con numerose fotografie dedicate al ricco patrimonio artistico presente nelle nostre chiese e ad altri elementi architettonici e paesaggistici che qualificano la Valle.

Ci saranno posti disponibili limitati su prenotazione allo 034582549 oppure 3714660938

biblio.piazzabrembana@tin.it

 

 

 


Articoli correlati

Parliamone

Natura senza frontiere

Natura senza frontiere

Se frequentare un ambiente naturale è per tutti un’esperienza vitalizzante, per le persone disabili lo è ancora di più.

E’ un mezzo di estrema efficacia per superare certe limitazioni imposte dalla condizioni psicofisiche, per conquistare autostima, per nuove relazioni di collaborazione che favoriscono l’inclusione.

Col termine, ormai acquisito, di montagnaterapia si definisce la riconosciuta utilità di varie attività in natura in termini terapeutici, di riabilitazione, di dinamiche relazionali, di capacità di gestione dei movimenti e delle emozioni.