Milano in vetta

Colere - Spettacoli al rifugio Albani

4 settembre

Colere

Spettacoli al rifugio

4 settembre ore 16.00 verso la parete nord della Presolana e replica alle 18.30 verso il passo dello Scagnello - Rifugio Albani in Località lago del Polzone, Colere (Bergamo). In collaborazione con CAI Bergamo

Nina di Michela Benaglia, con la partecipazione di Beatrice Arrigoni (40’) Nina è una performance legata alla voce, al respiro e all’azione del camminare. Il canto che la performer intonerà tra i sentieri della Val di Scalve potrà essere ascoltato dal pubblico che seguirà dal vivo i suoi passi, prendendo parte così al cammino e dunque all'azione artistica stessa. Questo corteo ad alta quota, composto da tutte le persone che vorranno aderire alla performance, darà vita a un rituale laico e collettivo. Il canto è qui metafora della vita, della fragilità intrinseca nell'essere, ma diventa anche rivendicazione, possibilità di riscatto, strumento di consapevolezza e individuazione. L'intera opera vuole riflettere sulla dimensione umana e sul nostro difficile mondo contemporaneo.

Alle 21 The Last Mountain di Dariusz Załuski (Polonia, Pakistan, 2019, 82') Durante il tentativo di scalare il K2, ultima vetta himalayana inviolata in inverno, i veterani Krzysztof Wielicki, Adam Bielecki e Denis Urubko soccorrono l’alpinista francese Elisabeth Revol, dando vita ad una delle operazioni di salvataggio più straordinarie della storia dell’alpinismo. Il rifugio è dotato di servizi igienici ed effettua il servizio bar ristoro.

A PIEDI dai segnavia 403 da Carbonera (Colere) o 311 da Baite del Möschel (Ardesio)

In BICI dal Passo della Presolana a Colere su asfalto e poi su mulattiera e sterrata lungo il segnavia 403 In AUTO fino a Colere o Spinelli (Valzurio) e poi a piedi

Informazioni per il pubblico, programma completo, prenotazioni on line: www.lab80.it/ilgrandesentiero

 

 


Articoli correlati

Parliamone

Natura senza frontiere

Natura senza frontiere

Se frequentare un ambiente naturale è per tutti un’esperienza vitalizzante, per le persone disabili lo è ancora di più.

E’ un mezzo di estrema efficacia per superare certe limitazioni imposte dalla condizioni psicofisiche, per conquistare autostima, per nuove relazioni di collaborazione che favoriscono l’inclusione.

Col termine, ormai acquisito, di montagnaterapia si definisce la riconosciuta utilità di varie attività in natura in termini terapeutici, di riabilitazione, di dinamiche relazionali, di capacità di gestione dei movimenti e delle emozioni.