Milano in vetta

Colere - Presentazione Il paese che cresce

6 agosto

Colere

Il paese che cresce

Anche se Colere è un paese relativamente piccolo, la sua storia racconta momenti drammatici, come le morti per la peste ed i problemi delle carestie a causa delle guerre o di eventi atmosferici. E’ il punto di partenza dell’ultimo libro del Geom. Albano Bianchi di Vilminore di Scave. Il titolo: “Colere, il paese che cresce – Ignazio Sindaco del Fare”. La ricerca di Bianchi negli archivi del Comune di Colere e di altre istituzioni, inquadra le vicende di Ignazio Belingheri che fu prima Consigliere Comunale, poi Assessore e infine, dal 1956 al 1964, Sindaco del paese. Furono gli anni della rinascita del Comune, che durante l’epoca fascista era stato aggregato ad Azzone, per formare il Comune di Dezzo di Scalve guidato dai Podestà. Il paese non aveva né uffici comunali, né Posta e aveva strade interne e di collegamento strette, pericolose e ripide. Nessuno aveva l’acqua in casa e le attività principali dei coleresi erano legate alle miniere, alla poca edilizia, oltre che all’allevamento di qualche capo di bestiame, alimentato quasi esclusivamente con erba e fieno, visto che in paese non cresce altro da mangiare. Uomini e donne emigrarono in Europa ed in America e perfino in Australia, dove si trovano tuttora dei discendenti. La vita operosa di Ignazio, prima militare in Tripolitania, poi operaio in Agro Pontino e quindi emigrante in Germania, è la premessa per i successivi impegni come amministratore comunale del ricostituìto Comune di Colere dopo la guerra. La sua imprenditorialità lo portò a sviluppare diverse attività tra cui taglio dei boschi, estrazione di marmo, commercio di materiali edìli, azienda di autotrasporto, gestione di una colonia estiva, Il libro non è la celebrazione di una persona, ma vuol essere una testimonianza di come si affrontavano i problemi negli anni passati, quando Colere aveva la strada di accesso stretta e non asfaltata, tant’è che non vi accedevano nemmeno i pullman.

La Biblioteca Comunale di Colere ha organizzato una serata speciale per la presentazione del libro. Conformemente alle norme antiCovid, l'accesso alla sala dell'incontro richiede la presentazione del Green-Pass all'ingresso.

 info@comune.colere.bg.it

 


Articoli correlati

Parliamone

Monte Stella, per tutti

Monte Stella, per tutti

Elsa Stella ci rimaneva male quando sentiva i milanesi chiamare Montagnetta quel rilievo che il marito, l’architetto Piero Bottoni, le aveva dedicato chiamandolo Monte Stella.

Ma i milanesi, si sa, sono piuttosto pragmatici, realisti, e il nome di Monte non lo consideravano adatto a quei 50 risicati metri di altezza. E il poetico nome di Stella non si adattava proprio al particolare materiale da cui nasceva il rilievo: le macerie degli edifici abbattuti a Milano dai bombardamenti angloamericani durante la seconda guerra mondiale.