Milano in vetta

Una salita con Francesco Petrarca

Tra le domande che molti appassionati di montagna si pongono, ricorre spesso quella sulla nascita dell’alpinismo. Chi è stata la prima persona che ha deciso di raggiungere una vetta? Di sfidare l’ignoto? Di guardare il mondo circostante da un più elevato punto di vista? E perché l’ha fatto? Che cosa ha ottenuto, o maturato, o raccontato, o nascosto, o imparato, o tramandato, da quella scelta individuale? Oppure c’è stata in un tempo a noi ignota un’impresa collettiva? E perché non ce ne è arrivata traccia?

Tra queste, e tra tante altre domande che si accavallano, rimane da individuare il rapporto tra il fare e il dire, tra l’esperienza effettuata e la tradizione orale, o gli scritti, per tramandarla; sempre che l’esperienza sia stata considerata degna di essere raccontata.

Ci conforta allora sapere che a inaugurare (o quasi) la narrazione di una esperienza alpinistica portata a termine, sia stato uno dei maggiori scrittori della letteratura europea: Francesco Petrarca.

L'augurio è che qualche persona voglia approfondire l’argomento, come benvenuto sviluppo (o critica) dello scritto che è possibile leggere in questo sito nella sezione "Racconti"

Pubblicato il 24/08/2022


Articoli correlati

Parliamone

Monte Stella, per tutti

Monte Stella, per tutti

Elsa Stella ci rimaneva male quando sentiva i milanesi chiamare Montagnetta quel rilievo che il marito, l’architetto Piero Bottoni, le aveva dedicato chiamandolo Monte Stella.

Ma i milanesi, si sa, sono piuttosto pragmatici, realisti, e il nome di Monte non lo consideravano adatto a quei 50 risicati metri di altezza. E il poetico nome di Stella non si adattava proprio al particolare materiale da cui nasceva il rilievo: le macerie degli edifici abbattuti a Milano dai bombardamenti angloamericani durante la seconda guerra mondiale.