Milano in vetta

Clusone - Campionati Italiani di fondo

23 gennaio

CLUSONE

Campionati Italiani di fondo
Lo Sci Club Oltre CPA di Monza in collaborazione con lo Sci Club 13 Clusone, organizza per il 23 e 24 gennaio i Campionati Italiani, in prova unica, sia sprint che team sprint. Clusone ha ospitato già nel 1938 la prima gara di sci nordico in località La Spessa, poi 62 anni dopo una spettacolare prova di Coppa del Mondo esaltante è passata alla “storia” non solo per la vittoria dell’allora azzurro bergamasco Fabio Maj, ma anche per la tenacia, la determinazione e la passione degli organizzatori e della gente di Clusone.

Gare alla memoria di Beppe Barzasi. Le sfide di Campionato Italiano saranno dedicate alla memoria di Beppe Barzasi, anima dello Sci Club 13 Clusone, dello sci nordico bergamasco e membro nazionale della FISI, e non poteva essere diversamente dopo la sua prematura scomparsa causa Covid. L’evento ha anche un motivo molto profondo, dare evidenza al tentativo di ritorno alla normalità in una terra devastata dal Covid.

I protagonisti del 23 e 24 gennaio 
Alla manifestazione  prenderanno parte come consulenti di primo piano Omar Galli, che è anche referente dello Sci Club Oltre CPA, e Renato Pasini, bergamasco di Gromo, campione del mondo della Team Sprint di Sapporo in coppia con Zorzi ma soprattutto particolarmente legato a Beppe Barzasi. Federico Pellegrino sarà al via con i colori delle FFOO, per dominare la sprint e, probabilmente in coppia con Didi Nöckler o con Michael Hellweger la team sprint. All’appuntamento bergamasco ovviamente sono attesi tutti gli azzurri, anche perché i Campionati Italiani sono da sempre obiettivo prestigioso per i gruppi sportivi militari. Questo appuntamento sarà ‘a porte chiuse’, ma è già confermata una sintesi in tv nei giorni immediatamente successivi.

Inizio: sabato 23 gennaio 2021 09:00

Fine: domenica 24 gennaio 2021 18:00

 


Articoli correlati

Parliamone

Natura senza frontiere

Natura senza frontiere

Se frequentare un ambiente naturale è per tutti un’esperienza vitalizzante, per le persone disabili lo è ancora di più.

E’ un mezzo di estrema efficacia per superare certe limitazioni imposte dalla condizioni psicofisiche, per conquistare autostima, per nuove relazioni di collaborazione che favoriscono l’inclusione.

Col termine, ormai acquisito, di montagnaterapia si definisce la riconosciuta utilità di varie attività in natura in termini terapeutici, di riabilitazione, di dinamiche relazionali, di capacità di gestione dei movimenti e delle emozioni.