Milano in vetta

Bergamo - L’Orto Botanico a passo di Nordic Walking

18 giugno

BERGAMO

L’Orto Botanico a passo di Nordic Walking
L’Orto Botanico di Bergamo, con le sue sedi di Città Alta e Astino, è inserito nel Parco dei Colli, da dove si sviluppano diversi interessanti percorsi naturalistici, storici e culturali.
Con l’iniziativa “Scopri l'Orto Botanico di Bergamo a passo di Nordic Walking”: tre incontri per conoscere l’Orto Botanico e i suoi dintorni, praticando uno sport all'aria aperta.  Itinerario di domenica 18 giugno:
dall’Orto Botanico di Bergamo - Valle della Biodiversità alla Valle di Astino - Madonna del Bosco. Programma
h. 15 - Accoglienza partecipanti
h. 15,15 - Presentazione dell' Orto Botanico "Valle della Biodiversità"
h. 15,30 - Introduzione al Nordic Walking e presentazione  dell’ Ass.ne UnCuoreDueBastoni” Nordic Walking ASD, a cura  Dott. Massimo Caregnato, Medico-chirurgo / Specialista in Medicina dello Sport Istruttore di Nordic Walking SINW-Fidal 
h. 16 - Partenza da Orto Botanico - Valle della Biodiversità

Si percorre via dell’Allegrezza fino alla Torre. Poi si prosegue salendo per il sentiero nel bosco fino al Passo della Madonna del Bosco per raggiungere Villa Bagnada. Da quindi si scende per il sentiero in direzione Castello Presati e tramite via Castello Presati raggiungiamo la Chiesa della Madonna del Bosco. Percorriamo il sentiero Laudato Sii fino al Monastero di Astino e quindi la Valle della Biodiversità (km 5 circa). Si richiede: attitudine al cammino, abbigliamento sportivo, zainetto, borraccia con acqua e uno spuntino. L'associazione "UnCuoreDueBastoni"  mette a disposizione i bastoncini da  Nordic Walking per coloro che non ne sono in possesso. Poiché i posti disponibili sono pochi, vi chiediamo di scegliere un solo percorso, per dare la possibilità a tutti di partecipare.

Partecipazione gratuita - email: ortobotanico@comune.bg.it

 

 


Articoli correlati

Parliamone

Monte Stella, per tutti

Monte Stella, per tutti

Elsa Stella ci rimaneva male quando sentiva i milanesi chiamare Montagnetta quel rilievo che il marito, l’architetto Piero Bottoni, le aveva dedicato chiamandolo Monte Stella.

Ma i milanesi, si sa, sono piuttosto pragmatici, realisti, e il nome di Monte non lo consideravano adatto a quei 50 risicati metri di altezza. E il poetico nome di Stella non si adattava proprio al particolare materiale da cui nasceva il rilievo: le macerie degli edifici abbattuti a Milano dai bombardamenti angloamericani durante la seconda guerra mondiale.