test

Milano in vetta

Osio Sopra - La città, il bosco, la campagna

2 marzo

Osio Sopra

La città, il bosco, la campagna

Quello di Niccolò Reverdini, filologo, umanista, naturalista e agricoltore è uno sguardo molto personale sulla natura e sul territorio. Racconta di stagioni, culture, orti, campi, prati e arnie. Siepi e filari o sentieri percorsi a piedi nudi dove acquista particolare valore l’incontro con altre persone e l’accoglienza donata o ricevuta. La conoscenza di fonti letterarie classiche e moderne permette a Reverdini di trovare particolari sfumature e letture su città, boschi e campagne. Come agricoltore e naturalista conosce i metodi dell’agricoltura biologica e si dedica al recupero di un bosco millenario, inserendoli nelle politiche dell’Unione Europea, per la biodiversità e la tutela dell’ambiente. Si occupa di testi antichi con la stessa passione con cui si impegna a preservare la natura del bosco e della campagna nei dintorni di Milano. Ingresso gratuito. Via Manzoni 15. Ore 21. biblioteca@comune.osiosopra.bg.it. L’appuntamento rientra nel cartellone della nona edizione di “Tierra! Nuove rotte per un mondo più umano”, rassegna organizzata e promossa, con il patrocinio della Provincia di Bergamo, dai Sistemi Bibliotecari di Dalmine e dell’Area Nord-Ovest della Provincia di Bergamo con il supporto tecnico di Azienda Isola e della Rete Bibliotecaria Bergamasca e, alla direzione artistica, di Ornella Bramani. In programma venti incontri ad ingresso gratuito ospitati in altrettanti comuni che hanno aderito all’iniziativa per parlare con autorevoli ospiti di ambiente, società e percorsi. Fino al 13 aprile.


Articoli correlati

Parliamone

Monte Stella, per tutti

Monte Stella, per tutti

Elsa Stella ci rimaneva male quando sentiva i milanesi chiamare Montagnetta quel rilievo che il marito, l’architetto Piero Bottoni, le aveva dedicato chiamandolo Monte Stella.

Ma i milanesi, si sa, sono piuttosto pragmatici, realisti, e il nome di Monte non lo consideravano adatto a quei 50 risicati metri di altezza. E il poetico nome di Stella non si adattava proprio al particolare materiale da cui nasceva il rilievo: le macerie degli edifici abbattuti a Milano dai bombardamenti angloamericani durante la seconda guerra mondiale.