Milano in vetta

Lovere - Sarnico Lovere Run

23 aprile

Lovere

Sarnico Lovere Run

La "Sarnico Lovere Run" è una corsa unica nel suo genere perché si svolge sulla strada che costeggia il Lago d’Iseo. Il tragitto, infatti, è stato pensato per esaltare la bellezza degli scorci lacustri della sponda bergamasca, che si susseguono rapidamente, sottolineandone colori, vegetazione e fauna. Lo start della corsa è in piazza XX settembre a Sarnico, centro turistico che poggia all’estremità meridionale del lago, attraversando poi Predore, Tavernola Bergamasca, Riva di Solto e Castro, fino all'arrivo al Porto turistico di Lovere, uno dei borghi più belli d’Italia. Programma delle 3 giornate: Sabato 23 aprile - Kids Run a Sarnico Ore 14.30 - Sarnico - Stadio Comunale - Kids Run - gare riservate ai bambini. Ritrovo/Iscrizioni ore 14 presso la Pista di Atletica a Sarnico. L'iscrizione è gratuita.Inizio gare ore 15.
Divisione in categoria in base all'età. Premiazioni al termine delle gare. Domenica 24 aprile - Sarnico Lovere Run. Ore 8.30: Ritrovo
Ore 9.10: Riva di Solto – Partenza non competitiva da Riva di Solto a Lovere (6 km). Ore 9.30: Sarnico – Partenza competitiva (25,250 km)
Ore 12: Lovere – Porto Turistico – Premiazioni.  Lunedì 25 aprile - Corsa con i Campioni a Montisola. Ore 9: Lovere Piazza XIII Martiri – Partenza motonave per Montisola. Ore 9.45: Montisola - Corsa con i Campioni 9K
Ore 11.30: Montisola - Partenza Motonave per Lovere. Le iscrizioni per la "Sarnico Lovere Run" si chiuderanno alle 24 del 18 aprile 2022 o al raggiungimento di 3.500 iscritti. Categorie ammesse (maschili e femminili): Promesse, Senior e Master.
email: info@sarnicolovere.it


Articoli correlati

Parliamone

Monte Stella, per tutti

Monte Stella, per tutti

Elsa Stella ci rimaneva male quando sentiva i milanesi chiamare Montagnetta quel rilievo che il marito, l’architetto Piero Bottoni, le aveva dedicato chiamandolo Monte Stella.

Ma i milanesi, si sa, sono piuttosto pragmatici, realisti, e il nome di Monte non lo consideravano adatto a quei 50 risicati metri di altezza. E il poetico nome di Stella non si adattava proprio al particolare materiale da cui nasceva il rilievo: le macerie degli edifici abbattuti a Milano dai bombardamenti angloamericani durante la seconda guerra mondiale.