Milano in vetta

Lecco - Proiezione di "The Dawn Wall"

19 febbraio a LECCO

Proiezione di "The Dawn Wall" pellicola pluripremiata dal CAI all’ultimo Trento Film Festival, che racconta i 6 anni dedicati da Tommy Caldwell e Kevin Jorgeson allo studio e ai tentativi di salire la via nello Yosemite National Park.

Appuntamento martedì 19 febbraio alle 21, al Cineteatro Palladium, grazie alla serata organizzata dal CAI Lecco Riccardo Cassin in collaborazione con il Trento Film Festival 365 per la proiezione di “The Dawn Wall”, il film-documentario di Peter Mortimer e Josh Lowell che racconta, attraverso video, foto ed interviste, la vita dello scalatore statunitense Tommy Caldwell che con Kevin Jorgeson ha dedicato 6 anni di studio e tentativi per la scalata del Dawn Wall. Nel gennaio 2015, infatti, i due giovani statunitensi catturarono l’attenzione del mondo con la loro impresa sulla Dawn Wall, una via apparentemente impossibile di 915 metri nello Yosemite National Park.       Ma per Caldwell si trattava di molto più di una scalata. È il culmine di una vita definita superando gli ostacoli. All’età di 22 anni fu preso in ostaggio dai ribelli in Kirghizistan. Poco dopo perse il dito indice. Quando il suo matrimonio è andato in pezzi, è sfuggito al dolore concentrandosi sullo straordinario obiettivo di scalare la Dawn Wall. Tra dedizione e ossessione, Caldwell e Jorgeson trascorrono sei anni meticolosamente pianificando la via. Nel tentativo finale, in diretta mondiale, Caldwell si trova di fronte a un momento decisivo: abbandonare il partner per realizzare il suo sogno, o rischiare il successo per il bene della loro amicizia?

The Dawn Wall ha vinto il Premio del Club Alpino Italiano – Genziana d’oro al miglior film di alpinismo, popolazioni e vita di montagna e il Premio Mario Bello della Commissione centrale cinematografia e cineteca del CAI nel contesto del 66° Trento Film Festival. Il film è tornato in Italia nel 2018, con il tour mondiale che lo ha visto proiettato sugli schermi dei cinema australiani, canadesi, inglesi, svedesi, austriaci, francesi e giapponesi. Biglietti: 8,00 euro


Articoli correlati

Parliamone

Natura senza frontiere

Natura senza frontiere

Se frequentare un ambiente naturale è per tutti un’esperienza vitalizzante, per le persone disabili lo è ancora di più.

E’ un mezzo di estrema efficacia per superare certe limitazioni imposte dalla condizioni psicofisiche, per conquistare autostima, per nuove relazioni di collaborazione che favoriscono l’inclusione.

Col termine, ormai acquisito, di montagnaterapia si definisce la riconosciuta utilità di varie attività in natura in termini terapeutici, di riabilitazione, di dinamiche relazionali, di capacità di gestione dei movimenti e delle emozioni.