Milano in vetta

Seriate - Film in concorso a OFF

25 gennaio

Seriate

Film in concorso a OFF

Presentazione "fotografie di montagna" a cura di Marco Caccia. A seguire proiezione dei film in concorso:

 Renovatio di Davide Pandini. Renovatio è un invito ad intraprendere un viaggio interiore alla ricerca di nuovi sentieri, spazi ed esperienze, attraverso l’incontro con la natura.

Traces di Frédéric Médrano. Una volpe cammina sulla neve. Due scoiattoli corrono. Un uccello raccoglitore di legna su un albero... Le tracce dell’animale scompaiono rapidamente...

Across Emptiness di Luca Albrisi. Racconta una traversata dolomitica compiuta da un gruppo di splitboarder e sci-alpinisti all’interno di uno spazio quasi immaginario: quello lasciato dalla pandemia e dalla chiusura degli impianti sciistici durante l’inverno 20/21. Un’opportunità per far nascere domande sul futuro delle valli alpine.

Bernina Terra Glacialis di Giorgio Tomasi. Sotto le maestose montagne del Gruppo del Bernina si apre una valle selvaggia ed affascinante, delimitata dai ghiacciai dello Scerscen. Sulla sponda orografica sinistra del vallone vi è un lungo e candido banco di dolomia che presenta alcune profonde cavità naturali: le grotte dello Scerscen. Nell’ambito del Progetto “Bernina Terra Glacialis”, il progetto “Opere di studio e valorizzazione delle grotte della Val di Scerscen” ha come scopo lo studio di queste cavità. Il documentario che presentiamo vuole raccogliere i risultati delle prime indagini realizzate dal gruppo di studiosi coinvolti.

Une goutte d’eau sur un volcan di Sébastien Devrient. Immergersi nelle profondità di uno dei laghi più alti del mondo, nel deserto di Atacama, è una sfida sia atletica che scientifica. Per la Guida alpina e Direttore Sébastien Devrient è un modo per riconnettersi con l’alta montagna, dopo che un incidente lo ha allontanato dagli 8000 che sperava di conquistare.

Ore 20.30. Cineteatro Gavazzeni, Seriate, Via Cattaneo, 1. Ingresso libero.

 


Articoli correlati

Parliamone

Natura senza frontiere

Natura senza frontiere

Se frequentare un ambiente naturale è per tutti un’esperienza vitalizzante, per le persone disabili lo è ancora di più.

E’ un mezzo di estrema efficacia per superare certe limitazioni imposte dalla condizioni psicofisiche, per conquistare autostima, per nuove relazioni di collaborazione che favoriscono l’inclusione.

Col termine, ormai acquisito, di montagnaterapia si definisce la riconosciuta utilità di varie attività in natura in termini terapeutici, di riabilitazione, di dinamiche relazionali, di capacità di gestione dei movimenti e delle emozioni.