Milano in vetta

Bormio - Re Stelvio

11 luglio

BORMIO

RE STELVIO
Pronti a sfidare il mitico Passo dello Stelvio a piedi o in bicicletta? Torna la Re Stelvio Mapei, alla sua 36^ edizione: una competizione unica nel suo genere, con ai blocchi di partenza sia corridori che ciclisti (professionisti e amatori).
La manifestazione prevede: la mezza maratona e la gara ciclistica agonistica, riservate ai tesserati, la podistica e il cicloraduno Mapei Memorial Aldo Sassi, aperti a tutti, tesserati e non, e per il terzo anno il raduno cicloturistico non competitivo dedicato alle bici a pedalata assistita sostenuto dallo slogan “+ Stelvio x tutti”. Considerata la popolarità della gara e l’alto numero di partecipanti, la salita da Bormio al Passo dello Stelvio sarà chiusa ai veicoli motorizzati e dedicata solo ai partecipanti alla manifestazione.

ore 8.50: MEZZA MARATONA (riservata ai tesserati Fidal o Enti di propaganda)
ore 9.00: PODISTICA APERTA A TUTTI
ore 9.10: RADUNO CICLOTURISTICO NON COMPETITIVO DEDICATO ALLE BICI A PEDALATA ASSISTITA
ore 9.15: GARA CICLISTICA AGONISTICA RE STELVIO-MAPEI (riservata ai tesserati F.C.I. ed Enti Consulta) Partenza categorie femminili
ore 9.30: GARA CICLISTICA AGONISTICA RE STELVIO-MAPEI (riservata ai tesserati F.C.I. ed Enti Consulta) Partenza categorie maschili
a seguire CICLORADUNO MAPEI MEMORIAL ALDO SASSI
ore 14.00: ORARIO LIMITE DI ARRIVO PER TUTTI
ore 16.00: PREMIAZIONI in Piazza del Kuerc a Bormio

INFO E ISCRIZIONI Dal primo marzo all'8 luglio sul sito www.usbormiese.com oppure presso sede dell’Unione Sportiva Bormiese, Via Manzoni, Bormio. INFO: https://restelvio.mapei.com/it/home-page

 


Articoli correlati

Parliamone

Monte Stella, per tutti

Monte Stella, per tutti

Elsa Stella ci rimaneva male quando sentiva i milanesi chiamare Montagnetta quel rilievo che il marito, l’architetto Piero Bottoni, le aveva dedicato chiamandolo Monte Stella.

Ma i milanesi, si sa, sono piuttosto pragmatici, realisti, e il nome di Monte non lo consideravano adatto a quei 50 risicati metri di altezza. E il poetico nome di Stella non si adattava proprio al particolare materiale da cui nasceva il rilievo: le macerie degli edifici abbattuti a Milano dai bombardamenti angloamericani durante la seconda guerra mondiale.