Milano in vetta

Cassano d'Adda - Pastorizia, tradizione e cultura

30 ottobre

CASSANO D’ADDA

Pastorizia, tradizione e cultura

Il Parco Adda Nord organizza la rassegna cinematografica a tema “Pastorizia, tradizione e cultura” nell’ambito del progetto Natura Vagante di cui il Parco è capofila di un ampio partenariato che risultò vincitore del bando 2018 “Capitale Naturale” di Fondazione Cariplo. Tra le iniziative c’è anche questa rassegna che prevede la proiezione di tre film.

Il primo appuntamento – in collaborazione con il Comune di Cassano d’Adda – si terrà presso il Teatro Cassanese (TECA) di Cassano d’Adda (viale Europa) venerdì 30 ottobre alle 20.30 dove sarà proiettato il docu-film “In questo mondo”. I prossimi due appuntamenti si terranno nel mese di novembre. La rassegna è dedicata a Tino Ziliani, Presidente dell’Associazione Pastori Lombardi, scomparso a inizio anno. Partecipazione gratuita fino a esaurimento posti (100 per garantire distanziamento, obbligatorio l’uso della mascherina). La prenotazione è obbligatoria tramite la piattaforma Eventbrite,

IPuò sembrare incredibile, ma in Italia la pastorizia è in crescita. Stupisce molto meno che a scegliere sempre di più quest’occupazione gravosa e non adeguatamente retribuita siano le donne: di età variabile, da Nord a Sud, fino alle isole, da sole, in coppia o con famiglia. Anna Kauber, regista, scrittrice e studiosa del mondo rurale, si è dedicata a questa realtà misconosciuta e ha raccolto circa cento interviste a ragazze tra i 20 e i 102 anni. Un girato mastodontico assemblato dal 2015 al 2017. Maria, Brigida, Michela, Donatella e le altre smentiscono lo stereotipo prevalente del pastore maschio, asociale, grezzo, forte, violento con le bestie e ritroso con l’umanità. Hanno fatto una scelta consapevole e fatale, hanno messo al primo posto l’esigenza di vivere con l’essenziale, come tramiti di una sapienza atavica.

info@parcoaddanord.it 

 


Articoli correlati

Parliamone

Monte Stella, per tutti

Monte Stella, per tutti

Elsa Stella ci rimaneva male quando sentiva i milanesi chiamare Montagnetta quel rilievo che il marito, l’architetto Piero Bottoni, le aveva dedicato chiamandolo Monte Stella.

Ma i milanesi, si sa, sono piuttosto pragmatici, realisti, e il nome di Monte non lo consideravano adatto a quei 50 risicati metri di altezza. E il poetico nome di Stella non si adattava proprio al particolare materiale da cui nasceva il rilievo: le macerie degli edifici abbattuti a Milano dai bombardamenti angloamericani durante la seconda guerra mondiale.