Milano in vetta

Seriate - Serata di apertura Orobie Film Festival

21 gennaio

SERIATE

APERTURA OROBIE FILM FESTIVAL

Dalle montagne di Lombardia alle terre alte del mondo

Cinema Gavazzeni | Seriate (BG) |

21-25 gennaio 2020 Ore 20.30 | Ingresso libero

Suggestive proiezioni di film e immagini fotografiche ci propongono uno sguardo sulle terre alte del mondo. Alpinismo, escursionismo, esplorazioni, ghiacciai, fauna, flora, culture, costumi e tradizioni rivivono sul grande schermo. Due sono i Concorsi che portano l’eccellenza fino a noi:

cinematografico oltre 90 film provenienti da tutto il mondo. 19 film selezionati dalla nostra Commissione verranno proiettati durante il Festival. Tre le categorie in gara: Orobie e montagne di Lombardia, Terre alte del mondo e Paesaggi d’Italia

fotografico con 27 fotografi partecipanti, per un totale di 135 immagini in gara. 24 sono state selezionate dalla nostra Commissione e verranno proiettate sul grande schermo all’inizio di ogni serata del Festival

Ad arricchire il Festival una serie di cortometraggi del grande Regista Ermanno Olmi e la proiezione del film The Dawn Wall con Tommy Caldwell e Kevin Jorgeson. Momento speciale sarà il Bonatti Day,

con l'assegnazione del Premio Walter Bonatti ad Annibale Salsa, la proiezione del film "K2, una storia italiana" e la performance artistica del Coro Voci dell’Orobica dedicata al grande alpinista bergamasco.

Martedì 21 gennaio

Fuori Concorso | Buongiorno Natura di Ermanno Olmi | Italia | 1955 | 9’ Gabriele, Marco e il piccolo Tobia trascorrono una breve vacanza immersi negli splendidi paesaggi delle valli di Lanzo. Tra piccole disavventure dovute all’inesperienza dei campeggiatori, la vacanza trascorre serena e il ritorno al lavoro di tutti i giorni sarà allietato da bei ricordi.

Associazione Montagna Italia
Tel. 335.5734876 - www.montagnaitalia.com

 

 

 

 

 


Articoli correlati

Parliamone

Natura senza frontiere

Natura senza frontiere

Se frequentare un ambiente naturale è per tutti un’esperienza vitalizzante, per le persone disabili lo è ancora di più.

E’ un mezzo di estrema efficacia per superare certe limitazioni imposte dalla condizioni psicofisiche, per conquistare autostima, per nuove relazioni di collaborazione che favoriscono l’inclusione.

Col termine, ormai acquisito, di montagnaterapia si definisce la riconosciuta utilità di varie attività in natura in termini terapeutici, di riabilitazione, di dinamiche relazionali, di capacità di gestione dei movimenti e delle emozioni.